Vecchie Storie

Estratto per colpa di chi la battesse il suo padrone, aveva cercato di scappare dall uscio sul ballatoio e fu allora che il vecchio esasperato, pensando che volesse fuggire di casa, le sbarro il passo, l afferro pei capelli e la fece strillare come un aquila Era troppo ormai anche per un matricolino Corsi di sopra, piombai su quel disperato, che al mio comparirEstratto per colpa di chi la battesse il suo padrone, aveva cercato di scappare dall uscio sul ballatoio e fu allora che il vecchio esasperato, pensando che volesse fuggire di casa, le sbarro il passo, l afferro pei capelli e la fece strillare come un aquila Era troppo ormai anche per un matricolino Corsi di sopra, piombai su quel disperato, che al mio comparire si fece livido poi non so dire quel che sia avvenuto Pare che l emozione fosse troppo forte per il vecchio malaticcio, o che una violenta stretta di cuore soffocasse insieme la bile, il sangue e la vita Cadde come un sacco slegato, lo circondarono, lo portarono sul letto, e nella notte stessa mori, con infinito spavento della povera Nina, che s immaginava quasi d averlo ammazzato Due giorni dopo questi fatti alcuni compagni corsero a casa mia ad avvertirmi che avevano arrestato Branchetti, il direttore del Trovatore e che la polizia era in cerca di me Non era il caso di stare ad aspettarla Le guardie entrarono in casa mia e sequestrarono le carte, le robe, il flauto Padova non era piu aria buona per me e per non aspettare di peggio, la notte stessa presi la strada del confine Era anche questo un intrigo di Franzon.Colto nel segno Coll ingegno che natura gli ha dato, egli aveva saputo dimostrare alla polizia centrale di Venezia che a Padova si congiurava contro l ordine costituito e che un branco di giovinastri mazziniani nelle conventicole del Trovatore inneggiavano all Italia sotto l allegorico nome di Nina, Che talento Non poteva vendicarsi con piu spirito E come fini Fini che, morto Malgoni e venuto al mondo, sei mesi dopo il funerale, un bel maschietto, la povera Nina trovo ancora della sua convenienza di andare a Venezia e d acconciarsi in casa del suo nuovo padrone e tiranno il quale qualche tempo dopo trovo della sua convenienza anche lui di sposare la vedova e tirarsi in casa quel po di ben di Dio che Malgoni le aveva lasciato sul testamento.
Vecchie Storie Estratto per colpa di chi la battesse il suo padrone aveva cercato di scappare dall uscio sul ballatoio e fu allora che il vecchio esasperato pensando che volesse fuggire di casa le sbarro il passo

  • Title: Vecchie Storie
  • Author: Emilio De Marchi
  • ISBN: null
  • Page: 125
  • Format: Kindle Edition
  • 1 thought on “Vecchie Storie”

    1. Emilio De Marchi (1851-1901) lived his entire life in Milan, working as an author and translator. One of several children in a large family, he lost his father to death when he was very young. I have been able to discover almost no other biographical details about him, nor have I found any of his short stories that have been translated into English. I picked up this small collection of his works primarily to practice my Italian, and I found myself captivated by them.This is a collection of eight [...]

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *